Cibo e Dialogo Interculturale

Oggi il Mediterraneo ha riscoperto la sua storica e turbolenta centralità nella geopolitica mondiale. Un mare, la cui storia, ha segnato gli sviluppi della civiltà antica e moderna, tutt’ora attraversato da incomprensioni, odi e purtroppo teatro di tragedie che dividono piuttosto che unire i popoli che su questo mare si affacciano, vivono e arricchiscono con la loro cultura e tradizione.

Una delle strade che consentirà di superare disaccordi, rafforzare l’uguaglianza, sviluppare la conoscenza reciproca, accrescere la partecipazione, assicurare la libertà di espressione e sostenere il processo creativo tra le persone è il dialogo interculturale di cui Assadakah Sardegna e l’Università Saint Joseph di Beirut si fanno portavoce nel progetto FOOD4MED. Partendo da queste constatazioni, Assadakah e SJU, da sempre attente ed impegnate nella promozione della conoscenza, nel riconoscimento e rispetto reciproco tra le culture hanno deciso di incoraggiare la comprensione tra le culture mediterranee a partire da quelle legate da un legame particolarmente antico come la Sardegna e il Libano.

La presenza fenicia e la successiva dominazione araba hanno lasciato segni importanti nella storia, nelle tradizioni, nella lingua, negli usi e nella cucina della Sardegna. La loro riscoperta stimolerà la consapevolezza di una cultura “immateriale” fatta di cibi ed ingredienti, abitudini ed usi alimentari che sono simili ma al tempo stesso differenti nelle culture mediterranee.

La cucina tradizionale rappresenta, infatti, uno dei migliori strumenti di incontro e confronto tra individui. Ad un primo sguardo, il cibo può sembrare un improbabile mezzo per incoraggiare lo scambio e il dialogo interculturale, ma soffermandosi con più attenzione ci si rende subito conto che costituisce il veicolo più adatto per unire nazioni e avvicinare le persone, soprattutto nella regione Euro Mediterranea dove la convivialità e il cibo costituiscono quasi un rituale sacro ed imprescindibile.

Il cibo e la cucina in sé sono l’espressione culturale del popolo al quale appartengono, un linguaggio che si esprime attraverso gli ingredienti tipici. In ogni cultura, tale linguaggio è ricco di significati e riferimenti storici.

Il cibo diventa quindi un metodo di analisi e di conoscenza della società, della cultura e delle istituzioni, delle credenze religiose, delle diverse categorie sociali, delle attitudini personali e collettive di un popolo e della sua identità.

Partendo da questi presupposti, FOOD4MED intende promuovere la tolleranza attraverso lo scambio culturale nel settore culinario contribuendo alla creazione e promozione delle condizioni ottimali per un confronto interculturale tra le culture gastronomiche sarde e libanesi come strumento di dialogo e comprensione reciproca, incoraggiando, allo stesso tempo, la creazione di un’area culturale in cui i popoli dell’area euro mediterranea possano convergere.

Italiano